Se ti piace il mio blog clicca qui

sabato 19 luglio 2014

Cucina del Friuli Venezia Giulia: zuppa asburgica di pomodori



Zuppa asburgica di pomodori


©http://nuvoledifarina.blogspot.it E' il 19 del mese per cui torno con le mia amiche a riscoprire i piatti che si cucinano o si cucinavano nelle nostre regioni, questa volta con Carla (Lombardia), Giovanna (Calabria), Ilenia (Toscana) e Michela (Piemonte) ci siamo confrontate su una delle verdure di eccellenza di questa stagione: il pomodoro. Ognuna di noi ha quindi cercato una ricetta dove il pomodoro fosse protagonista, ma non la ricetta più nota, siamo andate a spulciare libri, ricettari, tutto ciò che avevamo in casa fino a scovare la ricetta meno nota. Ve ne proponiamo cinque una più golosa dell'altra da fare ovviamente in questo periodo.

Il piatto di cui parlo io è una zuppa estiva, per cui buonissima da mangiare tiepida ma anche fredda; è un piatto arrivato in regione assieme agli Asburgo e che da molti anni è caduto in disuso. Di sicuro, vista la provenienza, non sarà un piatto tipico solo della cucina del Friuli Venezia Giulia, ma visto che li Asburgo hanno scritto una parte della storia di questa regione è giusto presentare anche un piatto che li ricordi. La zuppa è semplice da fare, si prepara con pochi ingredienti e grazie alla presenza delle fette di pane da mettere nel piatto riempie bene anche la pancia.





Ingredienti per quattro persone


500 gr di pomodori
50 gr di montasio grattugiato
1 litro di brodo vegetale
1 cucchiaio di paprika dolce
1 piccola cipolla
Olio extravergine di oliva
Sale, pepe
Qualche fetta di pane

Procedimento:


Laviamo i pomodori, tagliamoli a tocchetti e riduciamoli a crema mediante un frullatore. Tritiamo la cipolla e facciamola appassire per circa 5 minuti in una casseruola con un filo di olio extravergine di oliva; aggiungiamo il pomodoro passato e lasciamolo insaporire per 10 minuti, poi versiamo il brodo e la paprika, portiamo a bollore e facciamo sobbollire per un’ora circa a fiamma bassa. 
 Prendiamo quattro fondine, ricopriamole con fette di pane casereccio, cospargiamole di montasio grattugiato e coprire il tutto con la zuppa di pomodoro. Non ci resta che lasciar intiepidire e gustare. E' un piatto fatto con ingredienti semplici, ma molto gustoso.

Le nostre chiacchiere di cucina regionale terminano qui, ci prendiamo anche noi una piccola pausa estiva per tornare con il fresco chissà magari con qualche amica in più.





mercoledì 16 luglio 2014

Angel food cake cocomero e menta-cioccolato in pentola fornetto



Angel food cake cocomero e menta-ciocolato in pentola fornetto


©http://nuvoledifarina.blogspot.it Era da quando avevo comprato la piantina a Udine che avevo deciso che con quella menta cioccolato avrei fatto qualcosa di speciale, finché è arrivata l'idea complice un cocomerino baby che avevo in casa e la voglia di un dolce sofficissimo, coccola per il palato e per chi d'estate vuole essere pigro anche nel masticare. Ho deciso quindi di fare la angel food cake, uno dei più fantastici dolci americani, una sorta di nuvoletta da mordere che può essere personalizzata a seconda dei nostri gusti. Per fare questo dolce è necessario uno stampo particolare che tra le altre cose ha anche delle zampette che consentono il classico raffreddamento a testa in giù, io questo stampo confesso di non averlo e ogni volta che apro qualsiasi sito internet per prenderlo finisco sempre che rimane lì e compro un giocattolo per il mio bimbo. La voglia comunque era tanta e ho deciso di usare la mia fidata pentola fornetto sia perché mi consentiva poi di appiccare il dolce a testa in giù poggiando sui manichetti sia perché così mi risparmiavo con il caldo una cottura in forno; eppoi di angel food cake fatte nella maniera classica ce ne sono fin troppe e chiamate in mille milioni di modi, un tocco di originalità toccava pur darglielo.








Ingredienti per uno stampo da 24 cm di diametro:

330 gr di farina 00
170 gr di olio extravergine di oliva
170 gr di polpa di cocomero frullata
150 gr di zucchero
20 foglie di menta-cioccolato
4 uova
1 bustina di lievito


Procedimento:



Separiamo i tuorli dagli albumi; con le fruste elettriche montiamo gli albumi e teniamoli da parte, sempre con le fruste lavoriamo per almeno 5 minuti i tuorli con lo zucchero. Al composto di tuorli, uniamo la polpa di cocomero e l'olio extravergine di oliva, continuiamo a frullare anche se il composto sarà molto liquido finché vediamo formarsi una schiumetta di bollicine d'aria sulla superficie. Aggiungiamo ora le foglie di menta-cioccolato spezzettate a mano e infine la farina setacciata con il lievito, poca alla volta, montando sempre con le fruste. Quando il composto è spumoso e bene amalgamato versiamo all'interno dello stampo e facciamo cuocere sul fornello più piccolo e a fiamma bassa per circa 60 minuti.
Lasciamo quindi riposare il dolce a testa in giù finché è completamente freddo.

E' un dolce davvero buono, il cocomero da un gusto delicato al dolce, mentre la menta cioccolato conferisce una bella sferzata di freschezza.

Nota personale:

Se si vuole cuocere nel forno, mettere lo stampo in forno pre-riscaldato a 180° per 50 minuti.
La angel food cake è una torta fatta con soli albumi, ma io ho trovato questa versione con i tuorli e meno zucchero anni fa su una piccola rivista chiamata Cook's everywhere rilasciata in pubblicazione gratuita nel lontano 2002 e me ne sono innamorata.


lunedì 14 luglio 2014

Omogeneizzato prugna - mela



Omogeneizzato prugna - mela


©http://nuvoledifarina.blogspot.it A casa mia non si cucina solo per gli adulti ma anche per il piccolo di casa, non amo prendergli nulla di già pronto perché preferisco che mangi sano e senta il gusto dei vari cibi non coperto dalle tonnellate di zucchero che nei prodotti industriali invece si riscontra. Oramai il mio bimbo è grande e la frutta può mangiarla anche a pezzettoni o mordendo le fette, ma l'omogeneizzato rimane sempre l'alternativa pratica se si è in viaggio, visto che non sempre gli autogrill o anche l'interno dei treni hanno delle condizioni igieniche accettabili e si sa che i bambini quando mangiano pastrocchiano un bel po'.
Questo omogeneizzato è a base di prugna e mela cotte, per cui è un valido aiuto anche per quei bambini che hanno un po' di problemini di stitichezza; io ho usato delle prugne rosse che sono più energetiche di quelle gialle per cui più adatti a reintegrare alcuni nutrienti che con il sudore se ne vanno persi.






Ingredienti per tre vasetti da 100 grammi:


100 gr di prugne rosse
2 mele golden
150 ml di acqua per bambini

Procedimento:

Sbucciamo le mele e tagliamole a tocchetti; snoccioliamo le prugne. Mettiamo tutta la frutta in un pentolino o nel boccale del baby meal, aggiungiamo l'acqua e facciamo cuocere per 30 minuti circa. Trascorso questo tempo, omogeneizziamo la frutta e suddividiamo nei vasetti. Conserviamo per tre giorni al massimo in frigorifero o per un mese in congelatore.





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...