Se ti piace il mio blog clicca qui

domenica 22 aprile 2012

Cucina regionale giuliana: Fasoi in tecia con asedo

©http://nuvoledifarina.blogspot.it Come ogni venerdì torna l'appuntamento con la cucina regionale; l'argomento di oggi è le verdure, insomma tutti quei piatti in cui le verdure la fanno da padroni e sono le protagoniste indiscusse, dall'antipasto e perché no anche al dolce. Il nostro giro d'Italia si sta allargando sempre più e questa volta offre:


CALABRIA: Turtera i carciofi di Rosa ed Io
CAMPANIA: Pane cotto con broccoli neri di Le Ricette di Tina
SICILIA: Caponata di melanzane di Cucina che ti Passa 
TOSCANA: Ribollita di Non Solo Piccante
LOMBARDIA: Zucchine ripiene alla viscontea di L’Angolo Cottura di Babi
VENETO: Tris di asparagi bianchi di Semplicemente Buono
PIEMONTE: Puissi e giambon di La Casa di Artù
EMILIA ROMAGNA: Risotto agli asparagi di Zibaldone Culinario
TRENTINO ALTO ADIGE: Sformato di barbabietola in crosta di strudel di A Fiamma Dolce
PUGLIA: Fav e’cime cicuer di Breakfast da Donaflor 
LAZIO: Dalla tradizione della cucina ebraica a quella romana: carciofi alla giudia e carciofi alla romana! di Chez Entity
LIGURIA: Torta de articiocche di Un’arbanella di Basilico 
UMBRIA: Fregnacce alle Vitabbie di 2 Amiche in Cucina

e qui da me: FRIULI VENEZIA GIULIA: Fasoi in tecia con asedo 
come al solito post in dialetto e più sotto in italiano


 
Quando se pensa a un piatto triestin de verdure vien spesso in mente le patate in tecia ; quela de oggi inveze xe una ricetta simile ma coi fasoi. Sto piatto tanto tempo fa ghe ga da un pranzo e una zena a tanta gente povera in tute le stagioni, difatti le patate no le xe bone tuto l’anno, perché in certi periodi le diventa troppo dolzi e meno bone de magnar, inveze i fasoi i iera sempre là. Come ogni piatto della tradizion i ingredienti base xe quei che gaveva i contadini: fasoi, lardo o panzeta e per dargheun fia de gusto l’asedo; perche l’asedo? Perche quando se iera sai poveri no se podeva butar via el vin, anzi se se gaveva la fortuna de rivar a meter un poco de vin de parte se lo podeva vender o darghelo al dotor che vigniva a visitarte. Una volta anche se se iera piu poveri la vita iera piu semplicie e i pici regali i fazeva piu piaser, oggi no so se una galina e una bottiglia de vin o de trapa basteria per pagar el conto.
Ma passemo alla ricetta , ve servirà:

400g de fasoi borlotti secchi o freschi
1 cuciar de oio
50g de lardo papricado o panzeta lardada
1 cuciar de farina 00
Sal, pevere
1/2 bicer de asedo
Se adopreremo i fasoi secchi metemoli in smoio per una notte. Lessemoli in abbondante acqua fina a che no i diventa morbidi dopo li scolemo e li tignimo de parte. Dopo ciolemo una pignata e scaldemo l’oio, metemo el lardo o la panzeta taiai a tocheti, come el grasso diventa trasparente metemo el cuciar de farina e misciemo ben per far una specie de salsa che ligherà i odori ai fasoi. Zontemo i fasoi e miscemo ben, metemo l’asedo e regolemo sal e pevere e tignimo sul fogo fina a che non xe evaporado tuto l’asedo.
  
IN ITALIANO:
Quando si pensa a un piatto di verdure tipico triestino, molto spesso vengono alla mente le patate in tecia; quella di cui parlo oggi invece è una ricetta analoga a quella delle patate ma i protagonisti sono i fagioli. Questo piatto tantissimo tempo fa ha risolto pranzi e cene a molta gente povera e in tutte le stagioni, infatti mentre in alcuni periodi dell'anno le patate diventavano dolci per cui meno buone da mangiare, i fagioli erano sempre lì a disposizione. Come ogni piatto della tradizione, gli ingredienti base sono quelli che venivano offerti dalla vita da contadini, per cui fagioli, lardo o pancetta e per dare un po' di gusto l'aceto; perché l'aceto? perché quando si era molto poveri il vino non si poteva sprecare, anzi se si aveva la fortuna di produrne parecchio e buono allora lo si poteva vendere o si poteva con quello pagare l'onorario al medico che veniva al paesello per visitarti. Una volta benché si era più poveri la vita era più semplice e i piccoli doni venivano più apprezzati, oggi non so se una gallina e una bottiglia di buon vino o grappa possono bastare a coprire un onorario..
Ma passiamo alla ricetta, per la quale occorrono:

400 gr di fagioli borlotti freschi o secchi
1 cucchiaio di olio
50 gr di lardo papricato o di pancetta papricata
1 cucchiaio di farina 00
sale, pepe
1/2 bicchiere di aceto
Mettiamo in ammollo i fagioli, se si usano quelli secchi, per una notte. Lessiamoli poi in abbondante acqua finché non diventano morbidi, una volta cotti li scoliamo e li teniamo da parte. Prendiamo un tegame e riscaldiamoci l'olio poi mettiamo a sfrigolare la pancetta o il lardo tagliati a listine, come il grasso diventa trasparente aggiungiamo un cucchiaio di farina e mescoliamo bene per formare una sorta di salsina che legherà gli odori ai fagioli. Aggiungiamo i fagioli e mescoliamo bene, versiamo l'aceto e regoliamo di sale e di pepe, teniamo sul fuoco fino a quando l'aceto non è evaporato.

50 commenti:

  1. E brava bimba ...che bel piatto che sa di tradizione davvero!!!!!!! Ottimo ....e poi io i fagioli li adoro sempre!!!!!!!!
    Complimenti ...e cara se fosse ancora possibile pagare con una gallina...forse vivremmo tutti meglio e mangeremmo decisamente meglio!!!!!!!!
    Un grande bacio Stefania e GRAZIEEEEEEE

    RispondiElimina
  2. adoro i tuoi post in dialetto, e i tuoi fagioli, buon weekend

    RispondiElimina
  3. Non c'è niente da fare! Tutte le regioni hanno le tradizioni contadine, la cucina povera che la fa da gran padrona di casa sulle nostre tavole, perché sono i piatti più gustosi, più buoni! E qualcuno provi a dire che non è vero!!

    RispondiElimina
  4. Hai ragion e Stefania, prima si stava decisamente meglio per alcune cose e si mangiava in modo più sano anche.
    La tua ricetta mi piace davvero molto, un piatto che riscalda anima e corpo e che porta indietro nel tempo. Bravissima!!
    un bacione e buon week end

    RispondiElimina
  5. Little Sister, favoloso post e favolosa ricetta, adoro le verdure e questi fagioli sono SUPER!!! Bacioni

    RispondiElimina
  6. Avevavano ragione ad utilizzare l'aceto al posto del vino.. deve essere proprio una valida alternativa e sicuramente il gusto è ancora più originale!!!
    Buon week-end!

    RispondiElimina
  7. Hai proprio ragione, la cucina contadina era decisamente più sana e questo bellissimo piatto lo dimostra in pieno. Li proverò sicuramente, grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. davvero un piatto genuino sano e gustosissimo! i borlotti con il lardo sono di una squisitezza unica!
    e per l'onorario??? beh...direi che ci vorrebbe come minimo un pollaio...altro che una gallina!
    bacioni e buon fine settimana

    RispondiElimina
  9. un cucchiaio lo prenderei anch'io!!!!buoni tesoro!!bravissimaa

    RispondiElimina
  10. I fagioli sono un alimento completo..da noi viene chiamata la carne dei poveri, cucinati così però che gusto!!!
    le patate in tecia le conosco anch'io...hai ragione sono internazionali!bacioni

    RispondiElimina
  11. Quanto mi piacciono i fagioli... da noi sono serviti con olio o pomodoro, da te con aceto. Hanno un aspetto davvero squisito.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  12. Ho letto solo ora il tuo commento..ma certo che li puoi congelare, su di un cabaret per un paio di giorni poi li metti in sacchetti.
    Quando li cucinerai, attenzione alla cottura, inseriscili in acqua bollente ancora congelati e poi non appena riprende il bollore abbassa il fuoco altrimenti si rompono. Non cuocerli troppo... assaggiali e regolati... un bacione!

    RispondiElimina
  13. Io li adoro i fagioli così!!!! Li faccio spesso e grazie a te adesso ho scoperto che fanno parte delle ricette giuliane! Grazie! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Stefania un giorno ti racconto.....ma certi piatti triestini io non li so cucinare alla perfezione ma non perchè non li saprei fare ma proprio non li conosco.
    Mia suocera faceva i "fasoi passadi" ovvero questi che hai fatto tu ma passati in modo che sia un purè. Tutti matti meno mi!!!!!
    Grassie

    RispondiElimina
  15. Lardo paprikato????!!!!!????Ammazza!!!dev'essere una roba squisitaaaa!!!Questi fagioli mi sembrano un contorno eccellente a qualunque piatto!!Brava!!!Ottimo suggerimento:-)))Un bacioneeee (sono appena tornata!)e sogni d'oro!!!

    RispondiElimina
  16. Bella ricetta! Continuo a pensare che sia molto bella questa cosa dei piatti regionali:)
    a presto cara:*

    RispondiElimina
  17. Ciao Stefi, ma che belle ricette che stiamo mettendo insieme. Dovremmo raccoglierle in un libro non solo virtuale.... sto sognando del resto è tardissimo. Bacio buon we

    RispondiElimina
  18. Io non posso credere sia solo telepatia....ahahah anche questa volta, siamo in sincro cara "socia" e mycs....sei uno spettacolo, sai che la voglio provare....ho giusto dei fagioli da smaltire, prima che venga l'estate!

    RispondiElimina
  19. il lardo papricato non l'avevo mai sentito dire, comunque deve essere delizioso. buon Week-end

    RispondiElimina
  20. ma che ricetta particolare e piana di sapore,buonissima ne mangerei un piatto al volo complimenti ciao un bacione e buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  21. Ehehehe ormai lo aspetto st'angoletto del sabato mattina!!!! Mi piacciono molto i fagioli.. ed anche come li hai preparati... Corro a sbrirciare le altre.. baci cara.. buon sabato! :-)

    RispondiElimina
  22. passa da me c'è un premio per te

    RispondiElimina
  23. stupendo questo angoletto che hai creato!! I tuoi fagioli sono una vera delizia!!! I piatti tradizionali sono le cose più belle che abbiamo!!! Un bacione!! M.Luisa.

    RispondiElimina
  24. troppo forte la ricetta bilingue,buon WE, bacio SILVIA

    RispondiElimina
  25. Mi piace tantissimo questo appuntamento con la cucina regionale, bellissimo il post in dialetto e buonissimo il piatto!
    Baci e buona domenica!

    RispondiElimina
  26. Urca! Adoro i legumi, li mangio spessissimo. Questa ricettina me la segno. Un bacione, buona domenica!

    RispondiElimina
  27. che figata la ricetta in dialetto!! :)

    RispondiElimina
  28. questo è un piatto da ricchi! :) anzi ricco.. mi sa che si mangiava molto meglio prima, genuino e semplice! ottimo piatto cara ciaoo

    RispondiElimina
  29. mio papa' va matto per i fasoi:-) noi a casa li facciamo spesso !!! buona domenica e baci

    RispondiElimina
  30. Penso di poter contribuire pure io alla tua raccolta..Dimmi se va bene
    http://atavolaconmammazan.blogspot.it/2012/04/un-contorno-per-pasqua-le-coste.html
    Un abbraccio e buona domenica
    p.s.
    Ottima la tua ricetta anche io adoro i fagioli e tutti i legumi

    RispondiElimina
  31. Che bello Stefi, grazie come sempre per queste ricette!!! :) Buona domenica!!

    RispondiElimina
  32. Una fantastica ricettina......buona domenica...un bacino stefy

    RispondiElimina
  33. Direi invitantissima ricetta, è bello che qualcuno si occupi anche di cucina regionale, brava!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  34. Ciao Stefania, voi cuoche avete deciso di farmi morire. Aiuto! SONO A DIETA STRETTA perché devo perdere un po' di chili. Beh! Non è proprio che non mangi perché la nutrizionista mi ha preparato dei menù giorno per giornp, ma non posso certo farmi tutte quelle leccornie elencate all'inizio del post. Spero tu abbia passato un buon fine settimana e ti invio un caro saluto per tutta la famiglia.

    RispondiElimina
  35. @renata: ahaha quanto hai ragione cara!

    @2 amiche. grazie mille!!

    @elly: quelli che ci hanno provato sono tornati di corsa a questi piatti!

    @rumi: grazie mille cara, un abbraccio

    RispondiElimina
  36. @carla: grazie sister! un abbraccio

    @semplicemnte buono: grazie cara, si con l'aceto hanno un sapore in più, più pieno

    @babi: grazie a te, se provi fammi sapere mi fa piacere

    @donaflor: ahahah mi hai fatto morire dalle risate, un bacione cara

    RispondiElimina
  37. @tina: grazie mille

    @elena: è proprio un bel nome per chiamare i fagioli!!

    @morena. sono contenta che qualcuno li conosce e li apprezzi, grazie mille

    RispondiElimina
  38. @ilaria: anche con il pomodoo sono fantastici! un bacio

    @elena. grazie per i consigli

    @edvige: passadi noi non li abbiamo mai preparati. Vediamo se la prossima ricetta che pubblico la conosci...

    @yrma: è uno spettacolo yrma, soprattutto se ti piace la paprika, un bacio

    RispondiElimina
  39. un vero piatto della tradizione che ho avuto il piacere di mangiare...che dire,una vera bontà:)

    RispondiElimina
  40. @Clò: prova a vedere se c'è un posto libero per la tua regione e raggiungiciii

    @Carla Emilia: ahaha direi che fai dei bellissimi sogni!

    @Artù. secondo me ti piacerebbero, hanno proprio un bel gustino, ma quando si cucina con l'aceto che vino si abbina? ahaha ti metto alla prova

    @elena: credo si trovi solo qui

    RispondiElimina
  41. @maria luisa: l'angolo regionale è stato creato da babi e renata ed è proprio bellissimo vero?

    @silvia: grazie mille cara

    @assunta: grazie cara

    @pasticciona: grazie mille

    RispondiElimina
  42. @tinny: ciccia prova e poi fammi sapere, sono venuta di là a farmi due risatucce ahaha

    @ricette leggere: grazie mille

    @vicky: magari si mangiava meno variegato ma quanto gusto c'era una volta!!

    @ombretta. fagli provare anche questi allora e poi fammi sapere!! un bacione dolcissima

    RispondiElimina
  43. @mammazan: grazie cara, le ricette vanno postate a babi, trovi il link al suo blog nella regione lombardia

    @barbara: grazie, spero sia stata una buona domenica anche per te

    @silvia: grazie mille cara, un bacione e buona notte

    @stefy: grazie mille

    RispondiElimina
  44. @alma: grazie

    @gg: grazie mille

    @elio: ma come? ma sei in formissima!!! dai su un pittino di fagioli male non fa :)

    @tina. buoni vero? un bacio

    RispondiElimina
  45. Buongiorno carissima!Buon inizio settimana!un bacione!!ciaooo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...