Se ti piace il mio blog clicca qui

domenica 8 aprile 2012

Cucina regionale giuliana: Pinza e titola, la Pasqua triestina

©http://nuvoledifarina.blogspot.it L'appuntamento settimanale con la cucina regionale questa volta cade di sabato, per questo ringrazio tutte le amiche e amici partecipanti che hanno acconsentito alla mia richiesta così ho potuto partecipare all'iniziativa quanti modi di fare e rifare oltre che a questa sulla cucina regionale. Essendo a ridosso della Pasqua l'argomento trattato quest'oggi non può che essere un dolce pasquale; il giro d'Italia gastronomico si è ulteriormente allungato e da oggi ci sono regioni in più dove andare a scoprire le varie prelibatezze. 


Ecco cosa c'è di buono nelle tavole di Pasqua nelle seguenti regioni:

CALABRIA: Cudduraci di Rosa ed Io 
CAMPANIA: La mia pastiera napoletana di Le Ricette diTina 
SICILIA: Cassatelle siciliane di Cucina che ti passa
TOSCANA:  Biscotti quaresimali di Firenze di Non SoloPiccante
LOMBARDIA: La colomba di L’Angolo Cottura di Babi
VENETO: La fugassa di Semplicemente Buono
PIEMONTE: Salame del Papa di La Casa di Artù
EMILIA ROMAGNA: Ciambella romagnola di Zibaldone Culinario
TRENTINO ALTO ADIGE: Corona pasquale di A Fiamma Dolce
PUGLIA:  Le Scarceddè di Breakfast da Donaflor
LAZIO:   La pizza ricresciuta romana  di Chez Entity

e qui da me: FRIULI VENEZIA GIULIA: Pinza e titola, la Pasqua triestina
come al solito post in dialetto e sotto in italiano



La pinza e la titola xe due dolci che non pol mancar sule tole triestine per Pasqua: i due dolci i ga el steso impasto ma le forme xe differenti. Intanto ve dago l’impasto base dei due dolci e dopo ve conto qualcosa su de lori:

1 kg de farina Manitoba
70 gr de lievito de birra
250 gr de zucchero
100 gr de burro fuso
1 bicer de latte tiepido
6 ovi
1 bicerin de rum (mi go adopera una bagna per dolci al rum)
Preparemo un lievitin con 250 gr de farina e el lievito de birra sveia per 10 minuti nel latte tiepido con un fià de zucchero; se lasa che lieviti per un ora e dopo se meti altri 250 gr de farina, 100 gr de zucchero, 40 gr de burro e 2 ovi. Ogni ingrediente va messo solo dopo che quel prima se ga za amalgamà. Dopo se fa lievitar l’impasto per altre 3 ore e dopo se meti tutti i altri ingredienti ma se tien de parte un ciaro de ovo. Lasemo che lieviti per altre 3 ore e dopo xe pronto l’impasto per i dolci

Comincemo con la pinza:

la pinza ga la forma de un panetton, ma piu basso de quei de Nadal, con tanti ovi e tanto burro le fette vien più compatte, i busi vien pici inveze che grandi. Essendo un dolce che ga poco zucchero  se lo pol magnar anche col cotto de Praga. Per far la pinza se ciol un poco de impasto base e se fa un tondo, dopo se ciol le forbici e se fa tre tai come per far la crose de Gesù.

Ecco la titola:


la titola xe un dolce che ga la forma de una treccia a 3 cordoni, dall’impasto base te ciol tre tochi de impasto che va slongadi, fissadi de una parte e intrecciadi tra de lori, la chiusura della treccia la va messa sotto el dolce. La zima della treccia va lavorada in maniera differente, le zime laterali va lavorade col matterel fina a far un unico composto arrotondado, in mezo se meti un ovo duro piturado de rosso che rappresenta la passion de Cristo. A sto punto se ciol la zima de mezo e se blocca l’ovo.

Adesso ciolemo l’albume che gavevimo meso via, lo battemo ben e lo metemo sora i dolci e metemo a cusinar in forno za scaldado a 180 ° per meza ora e dopo a 150 ° per 40 minuti. Con sti due dolci ve auguro bona Pasqua a tuti


IN ITALIANO:

La pinza e la titola sono due dolci immancabili sulle tavole triestine in occasione della Pasqua; i due dolci hanno in comune lo stesso impasto ma nella loro forma sono completamente differenti. Vi do innanzitutto la ricetta dell'impasto base e poi parlerò brevemente di ciascun dolce:

1 kg di farina Manitoba
70 gr di lievito di birra
250 gr di zucchero
100 gr di burro fuso
1 bicchiere di latte tiepido
6 uova
1 bicchierino di rum (io ho usato una bagna per dolci al rum)
Si prepara un lievitino con 250 gr di farina e il lievito di birra riattivato per 10 minuti nel latte tiepido con l'aggiunta di un pizzico di zucchero; si lascia lievitare per un'ora e poi si aggiungono altri 250 gr di farina, 100 gr di zucchero, 40 gr di burro e 2 uova. Ogni ingrediente deve essere aggiunto solo quando il precedente è stato perfettamente incorporato. L'impasto che si ottiene si fa nuovamente lievitare per 3 ore, infine a questo si aggiungono il resto degli ingredienti tranne un'albume che andrà tenuto da parte. Lasciamo di nuovo lievitare per altre 3 ore e a questo punto avremo l'impasto pronto per formare i nostri dolci.


Iniziamo dalla pinza:
La pinza ha la forma di un panettoncino anche se più bassi dei classici panettoni del Natale; la presenza di tante uova e tanto burro rendono le fette più compatte, l'alveolatura non sarà grande ma piccola. Essendo un dolce con pochissimo zucchero a Trieste si serve con il prosciutto cotto di Praga. Per creare la pinza, si prende un po' dell'impasto base, gli si da una forma arrotondata e si praticano con le forbici 3 tagli profondi come per formare la croce di Gesù.

Ed ecco la titola:
La titola è un dolce a forma di treccia a 3 cordoni; dall'impasto base si prelevano 3 pezzetti di impasto che vanno allungati e fissati ad una estremità e poi intrecciati tra loro, la chiusura della treccia andrà posta sotto al dolce. La cima della treccia invece va lavorata in maniera differente; i capi laterali della treccia vanno avvicinati e schiacciati con un mattarello fino a formare un unico composto di forma arrotondata, al centro di questo si mette un uovo sodo colorato di rosso, il colore che rappresenta la passione di Cristo. A questo punto si prende il capo centrale e con questo si fissa l'uovo.

Adesso prendiamo l'albume che avevamo messo da parte, lo battiamo bene, lo spennelliamo sopra i nostri dolci e mettiamo a cuocere in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti poi abbassiamo a 150°C per 40 minuti. Con questo dolce auguro una Buona Pasqua a tutti!

60 commenti:

  1. Stefania... anche il tuo dolce tradizionale voglio mettere sulla mia tavola a Pasqua! Purtroppo ci sarà solo virtualmente... Chissà forse il prossimo anno faccio una miniatura di tutti i vostri dolci e li porto in tavola il giorno di Pasqua!!
    Auguroni carissimi per la Pasqua a te e alla tua famiglia!

    RispondiElimina
  2. Complimenti...due magnifici dolci che ben rappresentano la Pasqua....io già mi sono innamorata della titola con quell'uovo rosso!!!!!!!! Un bacione Stefania e tanti auguri di una serena e allegra PASQUA!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ne facciamo una simile..che bontà cara!Buona Pasqua

    RispondiElimina
  4. tantissimi auguri cara Stefania, passa una felice Pasqua!

    RispondiElimina
  5. Bellissimi Stefania! Non saprei quale scegliere, la titola con l' ovetto rosso è troppo carina, ma la pinza così cicciottosa è uno spettacolo. Sulla bontà non ci sono dubbi, bravissima e grazie. Buona Pasqua, Babi

    RispondiElimina
  6. beh...sono talmente belli e deliziosi...che io li assaggerei tutti e due! la pinza cosi soffice...che bontà!
    bravissima!
    tantissimi auguri di buona Pasqua!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. @elly: io il tuo ce l'avrò di sicuro in tavola, un bacio

    @renata: è molto carina vero?

    @tina: ma davvero? che carino

    @chiara: tantissimi auguri anche a te

    RispondiElimina
  8. @babi: è vero, anche io ho sempre l'indecisione sul con quale iniziare

    @donaflor: grazie mille, tantissimi auguri anche a te

    RispondiElimina
  9. Che belle!!! Quindi, stesso impasto, ma a seconda della forma hanno un nome diverso... divertente questa cosa!
    Se devo proprio scegliere prendo la Titola, quell'uovo tutto rosso mi attrae tantissimo.
    Devono essere squisite!!!!
    Auguro una buonissima Pasqua a te e alla tua famiglia. Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Bellissimi Stefy!!! davvero super, anche con la storia dei due dolci! davvero molto legati alla tradizione di Pasqua! oggi un + non te lo toglie nessuno!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao carissima!!
    Come ta stet????
    Io nonostante la latitanza dal blog tutto bene, sono passata per farti i miei più cari auguri di buona Pasqua, passatela bene!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ciao Stefania! sono qui per i tuoi dolci super soffici e per augurarti una buona Pasqua! bacioni

    RispondiElimina
  13. La tua titola nella forma somiglia tanto ai nostri cuculi, l'impasto però è diverso. La bontà non si discute. Auguri di Buona Pasqua. Baci.

    RispondiElimina
  14. Ciao Stefania!!! Ma che delizie hai fatto? Ma sembrano davevro buonissimi!!! Non ci sono stati problemi a rimandare il psoto di un giorno, alla fine per vedere questa ricetta ne è valsa la pena!!!
    Bravissima ed auguri di buona Pasqua a te e famiglia!!

    RispondiElimina
  15. @ilaria: grazie mille, devi sentire che buoni pucciati nella cioccolata calda!!!

    @artù: grazie cara, un bacionissimo. che bello anche il tuo salame...lo voglio!

    @mariangela: mariiiiii eccoti finalmente! un abbraccio tanmti auguri a te e ai tuoi caro e una super coccola al piccolo Milo. torna presto

    @ombretta: grazie cara, buona Pasqua a te

    RispondiElimina
  16. @maria grazia: non conosco i cuculi ma vado a sbirciare in internet

    @Rumi: grazie cara, un baciottone!!

    RispondiElimina
  17. Grazie cara Stefania per la ricetta di quei due dolci buonissimi!
    Auguri di Buona Pasqua a te e alla tua famiglia
    ciaoooo :))

    RispondiElimina
  18. Ma che meraviglia anche questa tua ricetta!!!! baci cara buona Pasqua!!! :-)

    RispondiElimina
  19. Belle queste due ricette della tradizione..bravissima come sempre e tanti auguri di buona Pasqua!

    RispondiElimina
  20. @bruna: tanti auguri anche a te e alla tua famiglia

    @claudia: grazie mille, un bacione e auguri

    @doris: grazie cara, tanti auguri di una serena pasqua

    RispondiElimina
  21. che belli che sono è chissà che buoni,
    carissima ti auguro una serena Pasqua a te e famiglia.
    bacioni

    RispondiElimina
  22. Che meraviglia!!!e che lavoraccio dietro questi impasti!!Ma il risultato ti ha ripagato della fatica, è eccezionale!!!!Mi fa morire la treccia con l'ovetto colorato:-))))Brava Stefy, di tutto cuore un augurio per una Santa e gioiosa Pasqua a te e alla tua famiglia!!!Bacio!

    RispondiElimina
  23. wow.. caspiterina che lavoro!! bravissima e.. sono qui per farti tantissimi auguri di una buona Pasqua!! baciotti

    RispondiElimina
  24. Stefania, per non tradurre....sei forte e bravissima e sai la "titola" quasi non me la ricordavo.
    Ti auguro Buona Pasqua di nuovo meglio due che niente a te e famiglia. Bona Pasquetta anche un baso ciaoooo

    RispondiElimina
  25. @franca: grazie cara, auguri anche a te, jo e i vostri cari

    @yrma: grazie cara, un abbraccio e un auguio immenso a te e a tutti i tuoi cari

    @@luisa. grazie mille tanti auguri anche a te e alla tua famiglia

    @edvige: mannaggia allora devo regalartene una ;) tanti auguri cara Edvige, un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Bellissime ti sono venute!!! Oviviamente anche buonissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche la tua pinza è venuta benissimo, anzi la tua sforbiciata è venuta più evidente. tanti auguri

      Elimina
  27. Tesoro, la pinza triestina, scopro solo ora, è diversissima da quella veneta! da noi la si fa con uvetta, fichi secchi, farina della polenta....lo sai che a pasquetta molto probabilmente vengo a trieste, avedere il castello di miramare? ti ho pensata subito, sia te che iva!!

    RispondiElimina
  28. passo velocemente per dirti Buona Pasqua, questa splendida ricetta me la leggo bene nei prossimi giorni.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
  29. PASSO PER FARTI TANTISSIMI AUGURIIII BUONA PASQUA A TE E ALLA TUA FAMIGLIA

    RispondiElimina
  30. Davvero OTTIMO!!!
    Grazie mille di essere passata ..
    Auguro anche a tutta la tua famiglia una bella e felice giornata di Pasqua..

    RispondiElimina
  31. spettacolari...è un vero peccato non conoscela!auguri di una Santa Pasqua a te e alla tua famiglia..

    RispondiElimina
  32. Devono essere buonissime entrambe...molto bella la parte scritta in dialetto, che ho letto e devo dire che ho capito quasi tutto.
    Auguri di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  33. Che belle ricette...e soprattutto molto simboliche.
    Un grosso bacione e tanti auguri di Buona Pasqua!!

    Il torneo è finito alle 20,15...oggi avevamo in sede 160 persone a pranzo e sono state premiate 10 squadre, è andato tutto a meraviglia,e quando tutto è ok, la stanchezza non si sente neanche!!

    RispondiElimina
  34. bellissime!! che bella la particolarità dell'uovo rosso che rappresenta la passione, non le conoscevo, grazie per avercele proposte! ciao cara tantissimi auguri!

    RispondiElimina
  35. BUONA PASQUA CARA STEFANIA!!!!!!!!!!!
    e come portafortuna per te un cestino di cuddurace carico carico di tutte le cose belle che desideri
    Un bacione e passa una splendida giornata!!!!!!!!

    RispondiElimina
  36. Ciao Stefania sono passata per farti gli auguri di Pasqua e trovo delle ricette semplicemente fantastiche ;) Buona festa , Ste

    RispondiElimina
  37. Sono finalmente potuta tornare sul web! Per un pelo! Volevo proprio farti gli auguri di buona Pasqua! Sono contenta di aver conosciuto te ed il tuo blogghino, ci metti un sacco di impegno, si vede! Baci!

    RispondiElimina
  38. Buonissimi questi due dolci pasquali!
    Tanti auguri cara, un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  39. che bello complimenti. Ti auguro una Pasqua gustosissima e credo che sarà così con un dolce del genere!!! un bacione

    RispondiElimina
  40. buona la pinza la conosco bene , buona Pasqua , ciao

    RispondiElimina
  41. @erika: ma davvero? sono felicissima, magari la prossima volta facci sapere così ci incontriamo ^^

    @sabina: buona pasqua anche a te

    @giovanna: grazie mille, buona pasqua anche a te e ai tuoi cari

    @inco: grazie cara, auguri di cuore

    RispondiElimina
  42. @cristina: grazie mille, tanti auguri

    @controtutti: auguri anche a voi

    @rosalba: grazie mille e tantissimi auguri

    @elena: è vero quando tutto fila liscio la stanchezza non si avverte, un bacio e tanti auguri

    RispondiElimina
  43. @vicky: cara tantissimi auguri di tutto cuore

    @renata: oh ma grazie cara amica, un bacione e tanti auguri

    @pale pink radish: tantissimi auguri anche a te, un abbraccio grandissimo

    @gio: grazie cara, sono contenta che hai risolto i tuoi blog-problemi

    RispondiElimina
  44. @elisa. grazie mille, un abbraccio e tanti auguri a te e ai tuoi cari

    @elena: grazie mille, cara, un bacione e tanti auguri a te tuo marito e il tuo piccolino

    @la pasticciona: tantissimi auguri anche a te

    RispondiElimina
  45. Fell in love with your gorgeous photos

    RispondiElimina
  46. molto molto belli i tuoi post con il dialetto di trieste...brava!!! tantissimi auguroni di buona Pasqua a te e famiglia(hai sentito che la partita cagliari-juve la fanno a trieste????) ciao tesoro

    RispondiElimina
  47. ma sei bravissima complimenti per le informazioni che dai ogni volta e complimenti per le tue fantastiche ricette e tanti auguri di buona pasqua a te e la tua famiglia ciao un bacione :)

    RispondiElimina
  48. Bravissima cara, i tuoi post sono sempre interessanti!!! un abbraccio e auguri ^_^

    RispondiElimina
  49. Ciao Stefania! Buona Pasqua anche a te e complimenti per la ricetta in versione dialettale!!!
    A presto
    Tania

    RispondiElimina
  50. Tantissimi auguri di buona Pasqua anche a te e ai tuoi cari!!!
    Bravissima come sempre, in dialetto e non!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  51. Ciao! hai ragione, la tua pinza assomiglia alla nostra fugassa e pensare che da noi in veneto c'è un dolce che si chiama pinza ma si prepara in tutt'altro modo! Che coincidenze!
    Entrambi i due dolci sono magnifici!

    RispondiElimina
  52. belle ricette e belle le iniziative! complimenti!!! simo!

    RispondiElimina
  53. Girare per blog è cultura, imparo sempre cose nuove e interessanti! Stimolante:)
    Grazie e auguri!

    RispondiElimina
  54. è tante che non mangio una bella pinza, mi hai stimolato la curiosità o vengo da quelle parti o me la devo fare a casa, è un dolce magnifico

    RispondiElimina
  55. Che belle le tue spiegazioni su questi dolci.....ho imparato una cosa nuova....GRAZIE!!!!!!

    RispondiElimina
  56. Ma guarda la pinza! Questo è un dolce pasquale tipico austriaco o almeno si mangia in Stiria... che sia originario italiano? :-)

    RispondiElimina
  57. Ciao! piacere di conoscerti!! che simpatico il tuo blog! Ho tentato di leggere la ricetta in "lingua originale" ma ...è arabo!!!ciao!!

    RispondiElimina
  58. Con le dosi indicate si fanno una pinza e una titola come in foto?
    Vorrei fare una pinza e una dozzina di titole piccole, una per ogni invitato, ma non ho proprio idea di come modificare le dosi. Riesci a darmi un aiuto, per favore?
    Un'altra cosa: l'uovo della titola si mangia? Altrimenti se è solo per bellezza svuoto le uova che servono per l'impasto e coloro quelle (si fanno bollire con acqua e barbabietola, vero?). Grazie !!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...