Se ti piace il mio blog clicca qui

mercoledì 20 marzo 2013

Cucina giuliana: Putizza


RICETTA IN DIALETTO TRIESTINO E SOTTO IN ITALIANO

©http://nuvoledifarina.blogspot.it Sta rivando la Pasqua e ogni region, città, famiglia ga le sue tradizioni culinarie per festeggiar sto periodo, chissà perché co se parla de feste la prima roba che me vien in mente xe i dolci… a Trieste in sto periodo se usa far e regalar la pinza e la titola, ma ve le avevo proposte el scorso anno qua cussì go pensa de proporve un dolce che el xe de Pasqua ma el vien portado in tola anche per altre festività: la putizza.
La putizza xe un dolce tipico della cusina carsolina con una pasta simile alla pinza ma nell’aspetto e nel gusto ghe rassomiglia alla gubana goriziana, la xe fatta con un impasto poco dolce e un ripien de frutta secca e cioccolata al latte. La ricetta no la xe mia ma de una buonissima pasticceria vizin de casa mia, mi la go assaggiada e la xe sai bona, ecco la mia putizza:


Per farla se parti preparando la pasta con:

500 gr de farina 00
40 gr de lievito de birra
3 ovi
1 tuorlo
1 albume
50 gr de burro fuso
120 gr di zuchero
1 bicer de latte tiepido
un pizzigo di sale
la scorza grattada de un limon
Squaiemo el lievito nel latte tiepido, zontemo metà della farina e metà del zucchero e lasemo lievitar l’impasto per un'ora in un posto caldo. Unimo a sto composto el burro fuso, quel che resta della farina e del zucchero, la scorza dl limon, 3 ovi un tuorlo e el pizzico de sal. Lasemo lievitar per meza ora e intanto preparemo el ripien con:

50 gr de burro
50 gr de biscotti secchi
60 gr de uvetta
60 gr de nose
60 gr de nosele
50 gr de zuchero
60 gr de cioccolata al latte
2 cuciari de miel de acacia
3 cuciari de latte
rum q.b.
Smoiemo l’uvetta nel rum, tritemo i biscotti secchi senza farli troppo fini e metemoli de parte, dopo tritemo anche le nose e le nosele. Squaiemo la cioccolata a bagnomaria e zontemoghe el miel, le nose e le nosele tritade, el latte e l’uvetta strizzada. In un padellin metemo a squaiar el burro zontemoghe el biscotto tritado e femolo tostar, alla fine zontemo anche questo composto alla cioccolata e alla fruta secca e miscemo ben.

Ciolemo el nostro impasto e demoghe una forma rettangolare, metemo el ripien stando attenti a lasar liberi i bordi. Rodolemo e dopo involtizemo el rodolo come per far una cagoia e trasferimo tutto in un stampo, spennellemo con la ciara de ovo e lasemo lievitar per un'altra meza ora. A sto punto semo pronti per la cottura, che la anderà fatta in forno preriscaldado a 160° per 30 minuti col dolce scoperto e 30 minuti coverto con  l’alluminio per no farghe ciapar troppo color.


  IN ITALIANO

©http://nuvoledifarina.blogspot.it Si avvicina la Pasqua e ogni regione, città, famiglia ha le proprie tradizioni culinarie per festeggiare questo periodo; chissà perché come si parla di feste a me vengono in mente per prima cosa i dolci.... A Trieste in questo periodo si usa fare e regalare pinza e titola, ma ve lo avevo proposte già lo scorso anno qui, per cui questa volta ho pensato di proporre un altro dolce che pur essendo pasquale viene portato sulle tavole anche in occasione di altre festività: la putizza. 
La putizza è un dolce tipico della cucina carsolina con una pasta simile a quella della pinza ma visivamente e nel gusto simile alla gubana goriziana; è costituita da una pasta poco dolce che contrasta con un ripieno di frutta secca e cioccolato al latte. La ricetta non è mia ma è quella utilizzata in una golosissima pasticceria a due passi da casa mia, io l'ho provata ed è veramente eccezionale. ecco la mia putizza:



per farla si parte con il preparare la pasta con:

500 gr di farina 00
40 gr di lievito di birra
3 uova
1 tuorlo
1 albume
50 gr di burro fuso
120 gr di zucchero
1 bicchiere di latte tiepido
un pizzico di sale
la scorsa grattugiata di un limone
Sciogliamo il lievito nel latte tiepido, dopo 10 minuti, aggiungiamo questo a metà quantità di farina e metà di zucchero e lasciamo lievitare l'impsato in luogo caldo per circa 1h. Uniamo a questo composto il burro fuso, il resto della farina e dello zucchero, la buccia di limone, le tre uova e il tuorlo e il pizzico di sale; formiamo una palla a facciamo lievitare nuovamente l'impasto per mezzora. In questo arco di tempo possiamo preparare il ripieno con:

50 gr di burro
50 gr di biscotti secchi
60 gr di uvetta
60 gr di noci
60 gr di nocciole
50 gr di zucchero
60 gr di cioccolata al latte
2 cucchiai di miele di acacia
3 cucchiai di latte
rum q.b.
Ammolliamo l'uvetta nel rum; tritiamo non troppo finemente i biscotti secchi e mettiamoli da parte, alla stessa maniera tritiamo noci e nocciole. Fondiamo la cioccolata a bagnomaria, a questa uniamo il miele e il trito di noci e nocciole, il latte e l'uvetta ben strizzata. Mettiamo sul fuoco un padellino e facciamoci fondere il burro, uniamo le briciole di biscotto e facciamole tostare, infine uniamo anche questo al composto di frutta secca e cioccolata e mescoliamo bene.

Riprendiamo il nostro impasto e stendiamolo in forma rettangolare, mettiamo sopra il ripieno facendo attenzione a lasciare liberi i bordi. Arrotoliamo, poi avvolgiamo il rotolo come per formare una chiocciola, trasferiamo il tutto in uno stampo, spennelliamo con l'albume e lasciamo lievitare nuovamente per 30 minuti. A questo punto siamo pronti per la cottura che andrà fatta in forno preriscaldato a 160° per 30 minuti con l'impasto scoperto e per altri 30 minuti coperto con carta alluminio affinché il dolce non si colori troppo.

Se vi interessano altre ricette regionali della pasqua vi consiglio di dare un'occhiata qui:



Valle D'Aosta -Torta Pasqualina, doppia versione  L'appetito vien mangiando
Piemonte - Uova alla bella Rosin  La casa di artu
Lombardia - Agnellino Le delizie della mia cucina
Trentino Alto Adige  -  Rotolo di spinaci e Corona Pasquale A fiamma dolce
Veneto - Fugassa Veneta Le tenerezze di Ely
Emilia Romagna - I nidi di rondine - http://zibaldoneculinario.blogspot.it/
Liguria - Agnello con i carciofi  http://arbanelladibasilico.blogspot.it/
Toscana - Schiacciata di Pasqua livornese http://www.nonsolopiccante.it/
Umbria - Ciaramicola http://amichecucina.blogspot.it
Marche - Crescia di Pasqua dolce http://lacreativitaeisuoicolori.blogspot.it
Abruzzo - Pupe e cavalli  http://blog.giallozafferano.it/incucinadaeva/
Molise -Treccia di Pasqua  http://lacucinadimamma-loredana.blogspot.it/
Lazio - Pizza sbattuta -  http://elly-chezentity.blogspot.it
Campania -Casatiello napoletano   http://blog.giallozafferano.it/ricetteditina
Puglia -Tiedd d'agnidd o furn co l patan http://breakfastdadonaflor.blogspot.it
Calabria - Cuculi di Pasqua all'anice -  http://blog.giallozafferano.it/iocucinocosi
Sicilia -Pecorella di marzapane http://www.cucinachetipassa.info
Sardegna - Dolci al limone veloci Piricchittus http://blog.giallozafferano.it/vickyart

Guest blog per il mese di marzo dalla Calabria - Tiana catanzarese- http://cocomerorosso.blogspot.it/



53 commenti:

  1. è veramente sublime! da provare adoro tutti gli ingredienti!!!!! complimenti bravissima!

    RispondiElimina
  2. fantastica Stefy !!! adoro i piatti della tradizione !! bella la versione nella lingua originale XD

    RispondiElimina
  3. Non credo di aver mai sentito questo dolce ma dev'esseer strepitoso con quel ricchissimo ripieno. Bacioni, buona giornata

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo assolutamente l'esistenza di questo dolce che trovo estremamente interessante! Mi sono segnata la ricetta e penso proprio che la riproporrò! Grazie mille mia cara!

    RispondiElimina
  5. Nemmeno io credo di aver mai sentito queta ricetta nonostante la vicinanza e l'affinità della tua regione con la mia ma, mi ha pienamente conquistata...ha un ripieno da urlo e sembra una nuvola!(tanto per restare in tema con il tuo blog:-)))tvb. Bacio

    RispondiElimina
  6. Non lo conoscevo questo docle.. ma vedo che è bello riccco!!! Baci :-)

    RispondiElimina
  7. Buona questa versione assolutamente golosissima! La mia ha solo le noci oppure i semi di papavero

    RispondiElimina
  8. Non conosco questa putizza ma solo a leggere gli ingredienti del ripieno sbavo :-P complimenti cara :-)

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo questo dolce, ma dall'aspetto è buonissimo!

    RispondiElimina
  10. Buonissima la putizza, io l'ho fatta per Natale e da non-friulana mi è venuta abbastanza bene :)
    La tua è meravigliosa.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  11. Questo dolce per me è nuovo... una vera delizia e l'aspetto è magnifico! complimenti stefy:*

    RispondiElimina
  12. Non avevo mai sentito il nome di questo dolce....e visto che si tratta di un lievitato dolce non posso che farti i miei più grandi complimenti, sai che io sono molto limitata con questo tipo di ricette. chapeau!

    RispondiElimina
  13. Questa ricetta, grazie al mio nonno Veneto, la conosco molto bene! :D Ed è de-li-zio-sa!!! :D Un bacione grande!

    RispondiElimina
  14. che buono, la putizza è il dolce triestino che preferisco ! Un bacione!

    RispondiElimina
  15. Davvero un dolce delizioso! Complimenti per golosa ricetta :-)

    RispondiElimina
  16. Buonissimo questo dolcetto tradizionale!

    RispondiElimina
  17. l'ho mangiata una volta da un'amica sarda che ha sposato un triestino, la suocera gli e l'ha mandata a Roma e ricordo una buona impressione, gli ingredienti sono ottimi...un abbraccio

    RispondiElimina
  18. mamma che ripieno! una goduria insomma! buonissima! un incrocio di ricette ben riuscito! ciao cara!

    RispondiElimina
  19. adoro i dolci della tradizione e la farcia è super :) bravissima! grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  20. Stefania tu con questo appuntamrnto mi incanti ogni volta! A parte il divertirmi nel cercare di vedere se capisco senza traduzione in italiano (...ok...meno male che c'è la traduzione!!) ma che ricette meravigliose.ì, che custode grandiosa.
    Mi piacciono queste ricette, sono le più belle in assoluto. Questa dolce poi è libidinosa.
    Un carissimo abbraccio

    RispondiElimina
  21. infatti... quando l'ho vista mi sono subito ricordata della gubana, che conosco perchè l'ho assaggiata da un'amica...buonissima,come penso sia questa... ideale per le feste! baci

    RispondiElimina
  22. E' molto simile alla nostra gubana, credo che ci sia solo qualche differenza di ripieno...
    Buonissima ;)
    Un bacetto a Max
    Tiziana

    RispondiElimina
  23. Ecco un dolce che potrei divorare per intero, mi piace tutto in questa ricetta e quel ripieno me lo sento già in bocca!!!

    RispondiElimina
  24. lo copio! è golosissimo!
    un bacione a Massimiliano

    RispondiElimina
  25. Ciaoo nome curioso ma ci piace molto la ricetta brava !!!!

    RispondiElimina
  26. oggi mi sono divertita a leggere anche il post in dialetto, e ho pure capito, sto imparando.Questo dolce è favoloso, grandioso il ripieno, un bacio

    RispondiElimina
  27. voglio assolutamente provarla... quando ho un po di tempo proverò la tua ricetta.
    ti seguo, passa a trovarmi se ti va.

    http://muchoney.blogspot.it/

    RispondiElimina
  28. Stefi io t'accide....e meno male che non hai messo il presniz perchè quello proprio mi .....la putizza mmmmmm si deve essere però tanto ripieno e poco companatico attorno di solito l'esterno lo davo a mamma io mangiavo la farcia.
    Ho trovato tutto grazie. ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. Ho preso il tuo banner e l'ho messo nella mia pagina ciaooo.

      Elimina
  29. Sei riuscita a estorcere la ricetta alla pasticceria vicino casa? Mitica!!!! Già per questo meriteresti un premio! E la ricetta merita veramente tanto! Fammi buttare giù un altro po'di kiletti e poi... mi toccherà provarla. Pasqua o non Pasqua!!!! Bacione!

    RispondiElimina
  30. Non conosco questo dolce. La putizza e molto appetitosa! Grazie per la ricetta. Voglio provarla. Grazie anche per i "links." Che lista meravigliosa!!

    RispondiElimina
  31. ahahhahahah ma che buonaaa..sei un fenomeno bravaa

    RispondiElimina
  32. Bellissima e buonissima. Un abbraccio, buona serata Daniela.

    RispondiElimina
  33. che meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, bacio SILVIA

    RispondiElimina
  34. mi son messa a leggere il tuo post in dialetto ad alta voce...vedessi la faccia di mio marito che guardava la tv e di traverso guardava me :))...mi fanno morire i dialetti!!!
    e questo dolce non è buono....di più!
    mi piace il contrasto della pasta poco dolce con il ripieno!
    bacioni e una coccola al piccoletto che cresce a meraviglia!

    RispondiElimina
  35. Con quel ripieno così goloso non può che essere buonissima. Io adoro la frutta secca... quindi come non adorare questo dolce?!
    Buona notte.

    RispondiElimina
  36. Leggerla in dialetto è troppo interessante! Le ricette della tradizione dovrebbero essere sempre descritte così

    RispondiElimina
  37. Stefy ma ma è da sbavo davvero!!!
    toglici l'uvetta (che non mi piace) e la mangio all'istante tutta!!!
    Complimenti davvero!!!!
    ci credo la vendono in pasticceria, io ci sto morendo a solo leggere gl'ingredienti figuriamoci chi la vede!!!
    bacioniii

    RispondiElimina
  38. Ciao Stefy,
    non credo ci sia bisogno di ribadirti quanto rimango "meravigliata" per ogni tua ricetta....
    BRAVA, BRAVA, BRAVA!!!!!
    Questa me la segno proprio che dev'essere di una bontà infinita...poi ti farò sapere quanto ci impiegherò a finirla!!
    Bacione grandissimo ed a presto

    RispondiElimina
  39. Strepitoso dolce della tradizione giuliana, tu bravissima come sempre!!!

    RispondiElimina
  40. Che delizia... mi piace un sacco!!

    RispondiElimina
  41. capito per caso nel tuo blog e cosa trovo?
    questo dolcetto che mangio trovo in trentino..ma possibile?
    oddio quanto mi garbaaaaaaaaaa
    è lui?
    tu parli di trieste però...
    piacere !
    buona serata

    RispondiElimina
  42. Stefania ho saputo che oggi è il compleanno, tantissimi auguri!!!!!!

    RispondiElimina
  43. Stefy cara,
    AUGUIRONIII!!!!
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  44. Ciao Stefy, tantissimi auguri di buon compleanno e qui dolci quanti se ne vuole! E tutti buonissimi, un grande abbraccio a te e al piccolo

    RispondiElimina
  45. Ma che bello e che buono questo dolce, Pasqua o non Pasqua, io me lo mangerei sempre!!!!
    Bravissima come sempre!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  46. Sono ancora in tempo per gli auguri e per i complimenti a questa ricetta. Un abbraccio

    RispondiElimina
  47. che spettacolo!! ho l'acquolina solo a guardare la foto ;) grazie per questa fantastica ricetta :D

    RispondiElimina
  48. dev'essere da svenimento questa Putizza, prendo appunti omettendo le nocciole purtroppo.
    Rosalba

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...